Servizi / Industria 4.0

Piano Nazionale Transizione 4.0

Il piano nazionale Transizione 4.0 (ex Industria 4.0) istituito con la Legge 232/2016 e successivamente riconfermato con le Leggi di Bilancio degli anni successivi, è attualmente prorogato al 30 giugno 2026, seppur con aliquote inferiori a quelle in vigore fino al 30 giugno 2023 (salvo la cosiddetta prenotazione del credito con versamento del 20% di acconto entro il 31 dicembre dell'anno precedente).

Attualmente l'aliquota di credito di imposta per investimenti in beni materiali interconnessi ricadenti nell'Allegato A della Legge 232/2016 è pari al 40% fino a 2,5 mln € per annualità, mentre per software e sistemi ricadenti in Allegato B è pari al 20%.

Tali percentuali andranno in diminuzione per le annualità 2023, 2024 e 2025, come di seguito specificato:

- beni materiali in Allegato A, 20% del costo per gli anni 2023-2025 (costo massimo ammissibile 2,5 mln €);

- beni immateriali in Allegato B, 20% del costo per il 2023, 15% per il 2024 e 10% per il 2025 (costo massimo ammissibile 1 mln €).

Pertanto le imprese hanno ancora notevole convenienza nell'utilizzare il piano Transizione 4.0 per abbattere il costo degli investimenti in macchinari, impianti e sistemi interconnessi, rinnovando e ottimizzando i propri impianti produttivi.

Contattaci per maggiori informazioni sulle opportunità disponibili, anche cumulative rispetto ad altri strumenti di finanza agevolata, e per verificare che il tuo progetto abbia tutti i requisiti per essere agevolative ai sensi della normativa 4.0.

Gestiamo ormai da oltre 5 anni complessi progetti di ristrutturazione di interi impianti/stabilimenti produttivi; possiamo fornire il servizio chiavi in mano dall'analisi di fattibilità alla perizia asseverata finale, compresa la gestione dei fornitori durante le fasi di sviluppo del progetto (project management) e le pratiche autorizzative (edilizie, prevenzione incendi, ecc...) dove richieste.